Centro Studi Postura

LA CEFALEA

 La cefalea, comunemente detta mal di testa, è un sintomo indotto da più cause. La diagnosi viene posta clinicamente: non vi sono indagini strumentali in grado di definire il tipo di cefalea di cui il paziente soffre.

Secondo la classificazione ICHD-2 della Società Internazionale delle Cefalee, questo sintomo fa capo a 14 gruppi afferenti a tre classi: la prima ricomprende le cefalee primarie – ovvero prive di causa riconoscibile – e le restanti le cefalee secondarie – ovvero con cause riconoscibili.
Rientrano nel gruppo delle cefalee primarie l’emicrania e la cefalea miotensiva, per cui non vi è una terapia causale bensì sintomatologica.
Nelle cefalee secondarie rientra anche quella cervicogenica, che riconosce come causa un disturbo al collo solitamente imputabile alla cervicale alta (Occ. -C1, C1-C2, C2-C3). Dati gli stretti legami biomeccanici e neurofisiologici tra strutture vicine, l’indagine su cervicale bassa, toracica alta fino a T5 e articolazione temporo-mandibolare, consente di pianificare una terapia causale più efficace.

La caratteristica principale della cefalea cervicogenica è il mal di testa legato a posture prolungate del collo e della testa, nonché a movimenti che possono indurla. Unilaterale e costante nel tempo, la cervicogenica si distingue dalle altre cefalee che invece si manifestano con veri e propri attacchi.

Nel processo di individuazione della natura della cefalee, è utile un approccio multimodale indagando i diversi aspetti d’insorgenza, perché spesso le sintomatologie sono sovrapponibili tra loro. È fondamentale in questo processo curare il confronto con il terapista: ad esempio può essere utile conoscere abitudini alimentari, stili di vita e posture del sonno del paziente affetto da cefalea.

In un quadro così complesso di diagnosi, una fisioterapia efficace ha per obiettivo la correzione di attitudini posturali errate (che contribuiscono all’insorgenza e all’aggravamento del mal di testa) attraverso esercizi attivi quali, ad esempio, rinforzo dei muscoli flessori profondi del collo o dissociazione dei movimenti braccia-collo e bocca-collo. Infine, qualora si riscontrino movimenti non liberi del collo, si potrà ricorrere a manipolazioni. Particolarmente indicata nel trattamento delle forme cefalalgiche risulta essere la tecnica dei “trigger points” a livello cervicale, ovvero di quelle aree muscolari che, se palpate, sono in grado di riprodurre il dolore familiare al paziente in territori di irradiazioni ben precisi.

A cura di:  Dott. in fisioterapia Tamma Gianluca

                   Dott.ssa in fisioterapia Simone Giuseppina

                   Dott. Sciascia Giovanni


Galleria immagini


Pubblicato lunedì 17 novembre 2014 alle ore 18:33.
Ultima modifica lunedì 24 novembre 2014 alle ore 17:30.

In primo piano

L'importanza della Capillaroscopia nel Fenomeno di Raynaud e nella microangiopatia sclerodermica

L'importanza della Capillaroscopia nel Fenomeno di Raynaud e nella microangiopatia sclerodermica

Il 29 Giugno è la Giornata Mondiale della Sclerosi Sistemica e anche il Centro Studi Postura vuole contribuire alla divulgazione di maggiori informazioni in tema delle malattie reumatiche e lo fa partendo da un articolo sulla “Capillaroscopia”, un esame semplice ma molto utile per individuare pattern patologici che sono stati descritti in diverse malattie di interesse internistico, nello specifico nell’ambito delle Connettiviti. Alcune alterazioni capillaroscopiche risultano significative e a volte dirimenti nella diagnosi della Sclerosi Sistemica in quanto presenti già nelle prime fasi di queste patologie.

[Continua]

Ultime Notizie

  • L'importanza della Capillaroscopia nel Fenomeno di Raynaud e nella microangiopatia sclerodermica

    L'importanza della Capillaroscopia nel Fenomeno di Raynaud e nella microangiopatia sclerodermica

    Il 29 Giugno è la Giornata Mondiale della Sclerosi Sistemica e anche il Centro Studi Postura vuole contribuire alla divulgazione di maggiori informazioni in tema delle malattie reumatiche e lo fa partendo da un articolo sulla “Capillaroscopia”, un esame semplice ma molto utile per individuare pattern patologici che sono stati descritti in diverse malattie di interesse internistico, nello specifico nell’ambito delle Connettiviti. Alcune alterazioni capillaroscopiche risultano significative e a volte dirimenti nella diagnosi della Sclerosi Sistemica in quanto presenti già nelle prime fasi di queste patologie.

    [Continua]

  • ACIDOSI METABOLICA

    ACIDOSI METABOLICA

    [Continua]

  • STENOSI CANALARE

    STENOSI CANALARE

    [Continua]

  • CASO CLINICO: IPERCIFOSI DORSALE

    CASO CLINICO: IPERCIFOSI DORSALE

    [Continua]

  • COS’È LA BIOIMPEDENZIOMETRIA (BIA)?

    COS’È LA BIOIMPEDENZIOMETRIA (BIA)?

    [Continua]

Seguici su

Centro Studi Postura su Facebook Centro Studi Postura su Youtube

Utenti registrati


Designed by:
Designed by: Guida Creativa di Giorgia Erika Murgolo